Riflessioni

Gesù, Krisha, Buddha: un confronto

Gesù e le religioni orientali Cristo e Krishna: è la stessa cosa? Già prima degli anni sessanta del secolo scorso si nota in occidente un interesse nuovo per le religioni orientali. Viaggi e immigrazioni favorirono poi questo interesse. È desiderabile che una conoscenza migliore delle idee religiose, proprie e altrui, possa condurre a forme migliori di convivenza e accettazione, senza eliminare le differenze. Voler eliminare le differenze è un''operazione culturalmente errata come lo sarebbe voler eliminare le distinzioni sonore fra strumenti musicali diversi. Per questo ha senso chiedersi: è la stessa cosa credere in Cristo o in Krishna o in Buddha? Per il credente indù, Krishna è un vero uomo nel quale si rivela l''unico Dio. Si comprende quindi come gli indù più tolleranti dicano: "Voi credete in Christa, noi in Krishna, è la stessa cosa". Ma è davvero così? Anche nel caso di Krishna, come per Cristo, si ha a che fare con una persona storica, ma tra i due sussistono differenze che è difficile trascurare. 1. Gesù Cristo non è, come Krishna, una tra le molte rivelazioni di Dio. Krishna è ritenuto l''ottava rivelazione del Dio Vishnu. Ad essa ne seguirà una nona (Buddha) e un''ultima (Kalkin). Gesù Cristo, invece, si presenta come la rivelazione finale e definitiva di Dio, che ha parlato mediante Cristo Gesù. 2. Gesù non è, come Krishna, una fusione di diverse figure sia mitiche sia storiche. La figura di Gesù Nazareno emerge dai documenti del Nuovo Testamento con connotati nettamente storici. Non sarebbe bello poter approfondire il confronto, in un clima di serenità e armonia? Gesù e Buddha: è la stessa cosa? Quali le somiglianz e le differenze tra Buddha e Gesù? Certe norme sono comuni: non uccidere, non rubare, non mentire, non fornicare. Si tratta di norme che potrebbero essere prese per un''etica comune a tutta l''umanità. Nel suo comportamento Gesù somiglia a Buddha. Come Buddha, Gesù insegna con racconti brevi, detti comprensibili a tutti perché presi dalla vita quotidiana; Gesù evita formule teologiche, dogmi e misteri. Come Buddha, anche Gesù annuncia un Messaggio Lieto (Dharma, Vangelo) che smuove la persona umana alla fede fiduciosa (shradda, fede) e alla conversione (risalire la corrente, metànoia =cambiamento di mentalità). Ma se le somiglianze tra i due sono notevoli, altrettanto lo sono le differenze. Eccone qualcuna. Gautama proviene da una famiglia benestante, aveva conosciuto la corruzione dei godimenti e sperimentato il tedio dell''esistenza. Gesù è figlio di umili artigiani e artigiano lui stesso. A differenza di Buddha, Gesù non è un solitario, un monaco, ma è il Maestro di una comunità di sorelle e fratelli, discepole e discepoli, che seguono lui non perché appartengono a un ordine religioso o perché hanno preso i voti o ubbidiscono a precetti ascetici, ma perché in Gesù Cristo hanno incontrato lo scopo della loro esistenza. A differenza di Gautama, lo scopo di Gesù non è uscire dal ciclo delle nascite (uscire dal mondo), ma è l''entrata in quel compimento che è il regno di Dio. Quel Dio che Gesù scandalosamente e con intimità inaudita chiama abbà, cioè papà! Ma la differenza decisiva emerge chiara quando si mettono l''una accanto all''altra le due figure di Buddha e di Gesù. Buddha sorride seduto su un fiore di loto. Gesù è sofferente, inchiodato su una croce. Come spiegare una tale diversità? Quale dei due scegliere? UN INVITO CORDIALE domenica 30 ottobre ore 18.30 Cristo Gesù e le religioni orientali chiesa di Gesù Cristo largo Goffredo Mameli, 16A POMEZIA (nei pressi della MOCA) _______________ Conversazioni personali per una lettura meditata della Sacra Scrittura. Su appuntamento tel: 06.91251216 (segret. telefonica) tel: 339.5773986 (contatto personale) __________ la domenica ore 10 conversazione biblica e culto a Dio il mercoledì ore 20 lettura e conversazione biblica

Vedi allegato

Torna alle riflessioni