Riflessioni

Occultismo

Occultismo, fra credenze irrazionali e rivelazione di Dio (il paranormale che pare normale…) Questo articolo vuol essere una breve e quindi non esaustiva presentazione di un tema esteso e sfaccettato qual è il mondo dell’occulto

Ci si pone lo scopo di stimolare la riflessione in chiave biblica

Per facilità di trattazione considereremo appartenenti a questa sfera dell’irrazionale tutte quelle attività quali “arti magiche”, “lavoro” dei medium, superstizione, cartomanzia e pratiche affini (per quanto diverse le une dalle altre), e altre ancora (si pensi alla “macumba”), che sono usate per manipolare la realtà della singola persona

Ciò può avvenire in particolare nelle aree della salute, del lavoro e dei sentimenti

L’occultismo esercita ancora un fascino enorme sull’uomo, tanto che può essere considerato un modello archetipico, resistente alle influenze della scienza e dello sviluppo tecnologico

Infatti, questi ultimi fattori non sembra aver inciso in profondità il rapporto con l’irrazionalità, per quanto abbiano potuto modellare la morale comune, il pensiero e in genere la vita quotidiana

L’insieme di quelle credenze e pratiche magiche riguarda quindi un elemento costante presente nelle culture di tutti i tempi e luoghi, una tipica forma mentis del genere umano

Oggi sono ancora numerosi coloro, anche fra i cosiddetti credenti, che si affidano agli operatori dell’occultismo, i quali orientano le consulenze secondo i desideri dei loro utenti, così come fanno i falsi predicatori: Ora lo Spirito dice espressamente che negli ultimi tempi alcuni apostateranno dalla fede, dando ascolto a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, per l’ipocrisia di uomini bugiardi, marchiati nella propria coscienza, i quali vieteranno di maritarsi e imporrano di astenersi da cibi che Dio ha creato, affinché siano presi con rendimento di grazia da coloro che credono e che hanno conosciuto la verità (2 Tim 4,1 ss

)

L’elemento che lega la radice primitiva e irrazionale delle arti occulte al comportamento religioso sarebbe riconducibile alla diffusa e persistente usanza idolatrica, perché l’immagine e la scultura fungono da schermo su cui si proiettano aspirazioni, invocazioni e desideri che richiedono di essere subito “miracolosamente” soddisfatti

Si sostanzia così il pensiero arcaico magico animistico, che attribuisce alle cose una volontà autonoma e extranaturale

A tale proposito è utile leggere l’analisi iperrealista e ironica di Isaia: Il fabbro con le tenaglie lavora il ferro sulle braci, gli dà la forma col martello e lo rifinisce col suo braccio vigoroso, soffre la fame e la sua forza viene meno, non beve acqua e si stanca

Il falegname stende il regolo, disegna l’idolo con lo stilo, lo lavora con lo scalpello, lo misura col compasso e ne fa una figura umana, una bella forma di uomo, perché rimanga in una casa

Egli taglia per sé dei cedri, prende un cipresso o una quercia che lascia crescere vigorosi fra gli alberi della foresta; egli pianta un frassino che la pioggia fa crescere

Questo serve all’uomo per bruciare; egli ne prende una parte per riscaldarsi e accende il fuoco per cuocere il pane; ne fa pure un dio e l’adora, ne fa un’immagine scolpita, davanti alla quale si prostra

Ne brucia la metà nel fuoco, con l’altra metà prepara la carne, ne cuoce l’arrosto e si sazia

[…]

Con il resto di esso fabbrica un dio, la sua immagine scolpita, gli si prostra davanti, lo adora, lo prega e gli dice: Salvami, perché tu sei il mio dio (44,12 ss

)

Le pratiche connesse alla “magia” erano severamente proibite anche nell’Antico Testamento, tanto che troviamo scritto: Non si trovi in mezzo a te chi faccia passare il proprio figlio o la propria figlia per il fuoco, né chi pratichi la divinazione, né indovino, né chi interpreta presagi, né chi pratica la magia, né chi usa incantesimi, né un medium che consulta gli spiriti, né uno stregone, né chi evoca i morti, perché tutti quelli che fanno queste cose sono in abominio all’Eterno; e a motivo di queste abominazioni, l’Eterno, il tuo Dio, sta per scacciarli davanti a te” (Deut 18,10 ss

)

Il brano è inequivocabile: confidare nelle credenze irrazionali delle “scienze occulte” non è per nulla conciliabile con la fede in Dio e in Cristo

Chi è credente (o persona integra emotivamente e intellettualmente) non dovrebbe far ricorso agli operatori di frode, di “arti magiche”, per cercare soluzioni o conforto alla propria condizione; né dovrebbe confidare nell’uomo (Ger 17,5), maestro di illusioni, di speculative intermediazioni, che spesso si sostituisce a Dio, cosa gravissima

Emerge così la stoltezza e la fragilità di coloro che si rivolgono a tali mistificatori

La città di Efeso e tutta l’Asia, circa duemila anni or sono, erano dedite al culto della dea Diana, detta “la Grande” (Atti 19,19)

Alcuni convertiti da Paolo, che avevano praticato la magia bruciano in pubblico i loro testi “professionali”: Coloro che avevano esercitato le arti occulte radunarono assieme i libri e li arsero in presenza di tutti; e, calcolatene il prezzo, si trovò che ammontava a cinquantamila pezzi d’argento

Perché dunque si elude ancora oggi il consulto di Dio o, in alternativa, quello della ragione? Dio e la ragione impongono capacità di valutazione e necessità di mettersi in discussione in prima persona

Proprio questo richiede il cristianesimo attraverso la conversione, cioè il ribaltamento del proprio stile di vita

Al contrario, è molto più semplice cercare risposte immediate ottenute senza sforzo, deresponsabilizzandosi, venendo meno all’impegno personale

Chi si rivolge agli operatori dell’occulto è come se conferisse loro qualità sovrumane

La forza di tutte queste attività irrazionali sta nell’uso di simbolismi religiosi e risiede forse nell’alone di mistero, di ignoto, che contiene tutto e il contrario di tutto

Il Signore invece vuole altro

Sollecita l’assunzione delle proprie responsabilità per una sana ricerca della verità, sostenuta con la massima lucidità, con onestà mentale, la cui conseguenza è far affidamento su Cristo

La fede non è una particolare condizione interna, non è un soggettivo stato empatico o una grazia caduta dall’alto, per cui si possa dire: “Beato te che ce l’hai!” La fede nasce invece dalla conoscenza dell’insegnamento di Cristo, che è a disposizione a tutti gli uomini di buona volontà, perché Dio “vuole che tutti siano salvati e che vengano alla conoscenza della verità” (1 Tim 2,4)

Certo, l’implicito irrazionale esiste e sta nella definizione stessa di fede: “Ora la FEDE è CERTEZZA di cose che si SPERANO, DIMOSTRAZIONE di cose che NON si vedono” (Ebr 11,1)

Non esiste però nessun “mistero della fede”, in quanto essa è stata rivelata e trasmessa anche ai semplici, affinché tutti possano raggiungere la salvezza spirituale

Si può affermare invece che la fede cristiana, pur basata su presupposti diversi da quelli del principio scientifico, obbliga però l’uomo all’acquisizione di conoscenza, all’esame profondo di sé, alla rivoluzione interiore, pretese ragionevoli anche per atei e agnostici

La Parola del Signore e “l’occultismo” non saranno mai compatibili

Condividendo l’aforisma di Pascal, chiudiamo stando attenti a evitare “due eccessi: escludere la ragione, non ammettere che la ragione”

Bibliografia J

Gaarder - V

Hellern - H

Notaker, Il libro delle religioni, Milano, 1999

J

Campbell, Le figure del mito, Milano, 1991

R

Kapuscinski, Ebano, Milano, 2002

B

Pascal, Pensieri, Milano, 1986

© M

Santopietro, 2014 – Riproduzione riservata

Vedi allegato

Torna alle riflessioni