Riflessioni

Metter su famiglia

Chiesa di Cristo Gesù in Pomezia ______________________________ Roberto Tondelli Metter su famiglia Elisabetta e Zaccaria erano entrambi giusti dinanzi a Dio

(Lc 1,6) ____________________________________ © Roberto Tondelli, Metter su famiglia, 2015 Per richiedere copie dello studio o autorizzazioni alla pubblicazione: Chiesa di Cristo Gesù Largo Goffredo Mameli, 16A I 00040 Pomezia, Roma (RM) www

chiesadicristopomezia

it info@chiesadicristopomezia

it 06 91251216 - 339 5773986 Pomezia (Roma), 2015 Metter su famiglia Cosa bellissima è l’amore tra uomo e donna

La Bibbia lo celebra con toni altissimi quando fa dire alla sposa “Mi baci egli con i baci della sua bocca!” e allo sposo “Quanto sei bella, amica mia, quanto sei bella!” (Cantico dei cantici)

L’amore tra uomo e donna è continuamente creato da Dio, che continuamente unisce uomo e donna (Mt 19,6)

Eppure questo amore, quest’attrazione, questa passione non è che modesto riflesso di un amore più grande che è l’amore di Dio, il quale è egli stesso amore (1 Gv 4,8)

L’amore tra uomo e donna muta nel tempo, la passione si addolcisce, l’amore può modificarsi con le condizioni fisiche personali, sociali, e può terminare con la morte

L’amore di Dio invece è più forte della morte, è sempiterno

Proprio questo è l’insegnamento alto che Gesù presenta quando una donna loda sua madre per averlo messo al mondo o quando lo avvertono della presenza dei suoi parenti

Ogni parentela origina dall’amore tra uomo e donna

Cosa bellissima è la parentela, madri, padri, fratelli, sorelle, suoceri, cognati, cugini, zii, zie

è bellissima proprio perché frutto d’amore

Eppure Gesù risponde alle lodi parentali dicendo: “Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio [amore] e la mettono in pratica”, e ancora: “Chi è mia madre, e chi sono i miei fratelli? Chiunque avrà fatta la volontà di Dio [amore] mi è fratello, sorella e madre” (Mc 3,31ss)

Gesù, cioè, insegna e rammenta che la parentela originata dall’amore tra uomo e donna, pur bellissima, è ben poco al confronto della parentela in Dio

Perciò Gesù ci induce a dire: mio fratello, mia sorella, mia madre, mio cognato, mio zio, mio nonno, mio suocero

chi sono? Sono coloro che attuano la volontà dell’amore grande che è l’amore di Dio, il quale è amore

È proprio in questo modo e in questo senso che Gesù dà origine alla parentela nuova, in Dio, alla famiglia nuova in Dio, cioè al il popolo nuovo di Dio

Questa istituzione di Gesù viene in genere dimenticata e anzi annullata da espressioni spesso ripetute, anche se vuote di senso, quali “tutti gli uomini sono figli di Dio”

Gesù invece insegna che “a tutti quelli che ricevono lui”, cioè che attuano la volontà di Dio, “egli stesso dà il diritto (exousìa) di diventare figli di Dio”

Questi infatti sono quelli che: • credono nella persona (nome) di Gesù, si fidano e si affidano a lui, alla sua parola vera, nobile, alta, sana e che risana per amore e con amore, ed inoltre • non sono semplicemente nati dall’amore – pur bello! – tra uomo e donna (carne e sangue), ma sono nati da Dio che è amore, e fa rinascere per amore coloro che a lui si affidano per amore (Gv 1,11 ss)

Questa nascita da Dio è quella che Gesù propone proprio a te: “In verità, in verità ti dico che se uno non è nato d’acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio” (Gv 3,5)

Questo ingresso nel reame d’amore di Dio, che è amore, viene provveduto a tutti coloro che per fede fiduciosa si avvicinano a Cristo Gesù, si fidano di lui, muoiono con lui nelle acque battesimali per risorgere subito con lui e in lui, partoriti dall’amore di Dio, che è amore

Di qui scaturisce la parentela in Dio, la famiglia di Cristo, il popolo nuovo che segue l’etica di Dio per arrivare a ottenere la “natura divina” promessa da Dio stesso (2 Pt 1,4)

Si comprende che queste cose possono apparire al Lettore come fantasie

Eppure Gesù le propone ancor oggi nel suo evangelo, ed è proprio questa la notizia buona che egli presenta a ciascuno di noi

F

Fellini affermava che si vive oggi in un’epoca di iperinformazione, si ascoltano migliaia di notizie, nessuna delle quali però è capace di generare un cambiamento reale nella vita di ciascuno

Aveva ragione

L’unica notizia buona, buona perché frutto della bontà amorevole del Dio amore, è quella di cui qui si sta parlando

L’amore di Dio si serve di ogni forma d’amore, anche dell’amore tra uomo e donna, tra madre e figlia, tra suocero e nuora, per indicare e richiamare dolcemente un amore estremamente più alto che è l’amore di Dio che è amore

È per questo motivo che l’amore di Dio dovrebbe essere la colonna e la base dell’unione amorosa tra uomo e donna e, quindi, di ogni altra unione parentale

Essere innamorati è stupendo! Ma chi desidera limitare questo amore alla vita presente che un giorno finirà? Perché non dare davvero senso a quell’espressione tanto usata: “Ti amerò per sempre”? Ma mentre la si dice si sa che “per sempre” ha un senso ben relativo, finito e limitato dalla vita qui e ora, che avrà termine

Ebbene, perché invece non riconoscere e confessare che il nostro amore, la nostra attrazione e passione sono espressione di un amore più alto, più grande e realissimamente eterno che è l’amore di Dio, il quale è amore? Perché non fare la dichiarazione d’amore più bella: il nostro amore di fidanzati è letteralmente ancorato all’amore di Dio, che è amore! Non sarà forse dunque proprio l’amore di Dio la roccia sulla quale fondare il nostro amore qui e ora, come pure il nostro amore “per sempre”, proiettato verso Dio amore? Prima di accedere all’amore tra uomo e donna (carne e sangue), non sarà forse utile, opportuno, e anzi necessario riconoscere che ciascuno di noi due (uomo e donna) ha bisogno di rispondere con amore e per amore alla notizia buona di cui Gesù ci informa? cioè che esiste, esiste davvero ed è realissimo, un amore che muove ogni cosa, anche i nostri stessi sentimenti e affetti più profondi, un amore davvero eterno, il quale è realmente Dio

In tal modo donna e uomo credenti, rinati in Dio, affronteranno la vita assieme con una prospettiva d’amore realmente eterno, mai vinto dalla morte, perché è l’amore di Dio e vissuto in Dio

Lo Spirito di Cristo, ricevuto al battesimo, rinnova continuamente la coscienza dell’uomo e della donna, la rende “buona” (2 Pt 3,21)

Saranno guidati dalla sapienza di Dio amore, che parla loro continuamente nella Scrittura ispirata dalla sapiente potenza di Dio: • guidati nelle scelte di vita quotidiana; • guidati nel lavoro, persino quando il lavoro scarseggia (a volte per tirare avanti bastano potatoes and love, cioè qualcosa da mangiare e amore); • aiutati da parenti, ma da parenti in Dio; • saranno membri della famiglia di Cristo Gesù, godranno della sua stessa cura; • quando verranno le tentazioni (cui tutti si è soggetti) sia la donna che l’uomo vedranno sempre quale sia la via per uscirne, perché Dio amore gliela indicherà (1 Cor 10,13); • saranno guidati nella educazione buona dei figli, che risentiranno del positivo influsso spirituale di genitori che si amano con l’amore di Dio, che è amore e li guida con l’etica di Cristo espressa nelle Scritture; • avranno la pazienza di sopportare i momenti di sconforto dovuti a malattia e disoccupazione, perché sapranno di non essere soli, Dio amore è realmente con loro e l’amore dei parenti in Dio li circonda, li protegge, li sostiene, fosse pure nella povertà, nella ‘sfortuna’, nella maldicenza, nella calunnia, negli ambienti di lavoro moralmente malsani; e persino nella malattia e nella morte, perché l’amore di Dio continua a sconfiggere povertà, immoralità, calunnia e morte; • il suocero sarà fratello in Dio, la suocera sorella in Dio; il genero sarà fratello in Dio, la nuora sorella in Dio; cognata e cognato saranno fratelli in Dio

Dio che è amore

L’amore di Dio è dunque prioritario

Prioritario, come la sorgente viene prima del ruscelletto e prima del fiume che da essa sgorgano

Prioritario per nobiltà, per generosità, per altezza, per eternità

Prima viene dunque la parentela in Dio e poi viene la parentela in papà, mamma, zio, zia, suocero, nuora

L’amore di Dio, insegnato e mostrato da Cristo Gesù, proposto nella norma etica di Cristo, esposto nelle scritture del nuovo testamento ispirato da Dio, accolto da cuori onesti e umili, questo amore di Dio può ancora essere colonna solidissima e fondamento realissimo per chi vuole mettere su famiglia, per chi vuole inserirsi nella parentela di Cristo, la quale scaturisce da Dio

E Dio è amore

Se gli impulsi del suo amore vengono seguiti umilmente, forse sarà più facile essere famiglia in Dio, essere giusti ai suoi occhi, prendere decisioni secondo Dio e comportarsi non secondo lo spirito della parentela umana ma, nonostante tutti i problemi che potranno presentarsi, in armonia con Dio che è amore

Vedi allegato

Torna alle riflessioni