Riflessioni

Segnideitempi - di Patrizia Vanzini

Segnideitempi di Patrizia Vanzini Cristiano non praticante Càpita talvolta di parlare con amici della fede in Dio

Tutti ci credono e si confessano cristiani

Questo dovrebbe essere un sollievo per chi li ascolta e crede

Se non che, continuano dicendo di essere sì cristiani, ma non praticanti

Un po’ ti lasciano interdetta, perché pensi: beh io per continuare a credere devo alimentare ogni giorno la mia fede, perché é facile oggi sviarsi da ciò che il Signore Gesù ci insegna e ci chiede di praticare

Perciò mi chiedo: che cosa significa cristiano non praticante? Francamente la prima volta che ho sentito quest’espressione, lo stupore é stato grande

Però mi sono detta che bisogna prima saper ascoltare, riflettere e poi se mai rispondere

Se volessi essere brutale dovrei dire, non praticante uguale a non me ne importa nulla

E così sicuramente non rimarrei molto simpatica a chi si professa non praticante; anzi forse proprio al contrario

Però in fondo é proprio così

L’apostolo Paolo esortava l’amato discepolo Timoteo a badare a se stesso e all’insegnamento, perseverando in questo, perché “facendo così” avrebbe salvato se stesso e chi lo ascoltava (1Tim

4,16)

Il dubbio é: Timoteo sarà stato un cristiano non praticante?

Vedi allegato

Torna alle riflessioni