Riflessioni

DIVORZIATA EN PASSANT

Divorziata en passant Il mercoledì pomeriggio in comunità è interrotto dalla gradita visita di una coppia, una gentile signora e un gentile signore che avevano telefonato il giorno prima

Insieme a una sorella della chiesa, ci accomodiamo per parlare assieme

La gentile signora ribadisce quanto ha detto al telefono: Seguiamo Gesù, amiamo parlare solo di Gesù

La cosa non può che rallegrarci! La signora continua testimoniando con vivezza la sua fede

Rievoca i difficili inizi del suo cammino di credente, accenna a quando lasciò il cattolicesimo per avvicinarsi a Cristo

Usa spesso nobili parole quali Spirito, Spirito santo, lo Spirito conosce, lo Spirito aiuta

Racconta del sacerdote a cui era affezionata da giovane, della meraviglia di lui nel sapere che lei era diventata evangelica pentecostale

Parla della sua famiglia di origine

Cita molti versetti biblici, mostrando rara capacità mnemonica

Ogni tanto cerchiamo anche noi di interloquire dicendo che siamo credenti secondo il Nuovo Testamento

Subito lei precisa che anche l’Antico Testamento ha valore

Concordo, pensando però a concetti e limiti espressi per esempio nelle Lettere agli Ebrei o ai Romani, ripromettendomi di parlarne in un secondo momento

La signora continua il discorso, che va somigliando sempre più a un flusso continuo di parole: padre Pio, verginità di Maria, “fratelli” di Gesù, comandamenti

continue menzioni di Spirito, riferimenti a Gesù, alla pentecoste, a ciò che lei sente

L’uomo che è con lei riesce, lui come noi, a dire qualche parola in un paio d’occasioni

Poi la signora riprende (in realtà non ha mai smesso) a navigare sul suo fiume verboso, dotata com’è del talento di cambiare tema all’incirca ogni trenta secondi, con una rapidità che sorprende anche gli ascoltatori più attenti

E noi lo siamo

Dopo aver abbordato con perizia un’ansa del flusso di parole riguardante i santi e la madonna, accenna alla famiglia cattolica dell’uomo che è con lei

La signora afferma, e l’uomo conferma, che si tratta di brava, bravissima gente, il padre e la madre di lui… ma non ne vogliono sapere di Gesù, dello Spirito

E continua: io sono divorziata e ora sto con lui, ma cerchiamo di far loro capire che non bisogna inginocchiarsi davanti alla statua di padre Pio e di Maria, e non bisogna pregare i santi perché Gesù è il mediatore e poi i preti non ci sono perché tutti siamo sacerdoti e anche quando ho detto al prete che avevo fatto la mia scelta lui ci è rimasto male perché ero diventata evangelica

ma voi siete evangelici o no? ma che tipo di cristiani siete? La signora non attende la risposta, e continua: perché ce ne sono di tanti tipi di cristiani e uno non può mai sapere

perché c’è tanta confusione nel mondo, e anche tanta ignoranza, anche in mezzo a tanti evangelici, però non sono tutti uguali, perché ci sono i pastori che non valgono nulla, ma altri ce ne sono che sono bravi, e noi non dobbiamo ascoltare i pastori, perché solo lo Spirito ci parla e ci guida, e io ho parlato a tanti pastori senza timore perché sentivo che lo Spirito mi diceva

E mentre, bontà sua, la signora continua a veleggiare sul corso ormai impetuoso delle sue parole, io, purtroppo, mi distraggo quel tanto che basta per sottolineare mentalmente in corsivo la frase che la signora ha pronunciato en passant, di passaggio: io sono divorziata e ora sto con lui (indicando l’uomo che le siede accanto)

Il pensiero distratto, ma più veloce della luce, mi porta al pozzo di Sicar dove Gesù sta parlando con la samaritana, donna più volte maritata, più volte divorziata

Buona, anzi ottima conversazione fra Gesù e la samaritana

I toni pacati e attenti sono tipici del dialogo costruttivo, che gradualmente raggiunge il suo culmine

È grazie a questo genere di dialogo che la condizione personale della donna può essere curata dal Cristo

Proprio quella condizione di lei fornisce anzi l’occasione per approfondimenti magnifici (Gv 4, 1 ss

)

Come è diversa quella conversazione interessante fra Gesù e la samaritana rispetto al divagante monologo dilagante della signora che abbiamo davanti

La quale, incredibilmente, continua a parlare; anzi il suo fiume di parole è ora simile a cascata fragorosa, e purtroppo non c’è proprio modo di chiederle: Signora, vada a chiamare suo marito – come Gesù chiese alla samaritana

Penso a quanto fu beato Gesù, che forse non si trovò mai dinanzi una donna mossa dallo Spirito

Il quale, anche se scritto con la esse maiuscola, resta pur sempre Spirito di logorrea

Cioè l’esatto opposto dell’economia linguistica che, adottata dallo Spirito intelligente di Dio, caratterizza le sue “parole spirituali che esprimono cose spirituali” (1 Cor 2,13)

Purtroppo il Signore non ha dato di guarire lo Spirito di logorrea

Possa egli usare misericordia verso chi ne è posseduto

Così, distratto dal pensiero dell’incontro di Sicar, misuro in anni luce la distanza tra la donna samaritana che si ravvede dialogando col Messia, e la divorziata di oggi che sciorina versetti mentre accenna alla sua condizione di divorziata, ma solo di passaggio

E qui l’arte della conversazione esige domande

Quello della donna evangelica, sarà un atteggiamento comune a tutti gli evangelici o forse alcuni di loro fanno qualche distinguo? Sarà un atteggiamento di normalità accettato ormai anche fra i credenti più legati al Nuovo Testamento? Sarà la normalizzazione che anche la chiesa cattolica si appresta ad accogliere? È proprio inutile porsi qualche domanda, qualche problema, e quindi anche resistere a situazioni di questo tipo, perché tanto la realtà non si cambia? La parola di Cristo è incerta proprio su argomenti così delicati?

al punto che alcuni fanno in un modo (accolgono senza tanti scrupoli la persona divorziata) e altri in modo opposto (ne richiedono il ravvedimento) in base al principio di indipendenza e autonomia? Forse bisogna evitare di porre le domande che poneva Gesù per non assumere atteggiamenti da controllori morali della vita altrui?

anche perché, si dice, oggi nessuno logicamente può pretendere di essere come Gesù, o come Pietro o come Paolo? Dunque, anche le domande poste da Gesù, Pietro, Paolo, cioè dallo Spirito sapiente di Dio, avrebbero irrimediabilmente perduto, almeno in parte, la loro attualità eterna?

solo le domande, o anche le affermazioni, le negazioni, i princìpi e i criteri? Su tali questioni, e su molte altre correlate, molto c’è da riflettere e da studiare, meglio se alla luce della Scrittura ispirata dalla sapienza di Dio

Si attendono lumi da chi vorrà gentilmente contribuire a illuminare

Nella mente rinnovata dall’intelligenza dello Spirito divino rimane forte la nostalgia suscitata dal dialogo tra l’intelligente samaritana, donna umile, e il sapiente Gesù, maestro scrupoloso

Ricordo vivente e presente, come Dio è vivente e presente

Memoria nitida, che consola, illumina, rincuora, fa riflettere e consente, anche a “gente di poca fede” quali noi siamo, di navigare con Cristo al timone persino nell’immenso (eppur piccolo), placido (eppur tempestoso), limaccioso (eppur trasparente), oscuro (eppur chiaro), pericoloso (eppur gaio) lago artificiale delle mille religiose parole vuote

Riproduzione riservata © Roberto Tondelli - 2015

Vedi allegato

Torna alle riflessioni