Riflessioni

RIFLESSIONI: Vergogna o onore

Vergogna e onore C’era una volta la vergogna

Già, c’era un volta la vergogna, cioè la cattiva reputazione, il disonore

Per chi è cristiano la vergogna si identifica con la croce su cui i Romani ammazzarono Gesù il Cristo

Quando i Romani condannavano a morte non si limitavano a togliere la vita al condannato, gli toglievano anche la dignità, lo disonoravano

La morte di croce era proprio questo: un corpo nudo appeso al palo della vergogna così che tutti potessero vedere lo svergognato e disprezzarlo

L’Evangelo come Buona Notizia di Gesù Cristo nasce proprio da questa vergogna tremenda

Gesù accetta la croce come un duce e un esempio perfetto di fede in Dio, un duce che “per la gioia che gli stava davanti (la risurrezione) sopportò la croce disprezzando la vergogna” della croce stessa (Ebrei 12,2)

Proprio per la vergogna che ha subìto, Gesù Cristo ha il diritto di insegnare che cosa è vergognoso (e che cosa è onorevole) per chi decide di seguire Lui come duce ed esempio perfetto di fede

Secondo il duce Cristo Gesù è VERGOGNOSO: • essere credenti senza sale, come padri e madri che non sanno consigliare i figli nel Signore; • essere credenti privi di opere buone, soddisfatti di se stessi; • guardare una donna per desiderarla (= adulterio); • divorziare dalla propria moglie; • sposare una donna (uomo) divorziata; • fare il bene per essere lodati dagli altri; • pregare per essere visti dagli altri; • sfasciare la fede degli altri, scandalizzare gli altri; • agire per venerare il dio denaro; • giudicare gli altri senza saper giudicare se stessi; • seguire la larga strada della società

Bisogna tornare a Gesù per ritrovare il senso della vergogna (e dell’onore) in Dio

C’era una volta l’onore

Già, c’era un volta l’onore, inteso come reputazione buona, buona fama

Per chi è cristiano l’onore si identifica con la buona reputazione che uno ha presso Dio se attua la volontà di Lui

Dio infatti dona “vita eterna a coloro che con perseveranza nel bene operare cercano gloria e onore e immortalità” presso di Lui (Romani 2,7)

L’Evangelo come Buona Notizia di Gesù Cristo nasce proprio da questo onore meraviglioso che ogni persona può ottenere in Dio

La nostra società impazzisce per onori politici, economici, religiosi

ma l’onore che vale e che resta è quello che solo Dio può conferire anche a TE! È proprio per questo che la croce di Gesù Cristo divenne per Lui fonte d’onore presso Dio, perché Gesù accolse umilmente la volontà di Dio, “disprezzando così la vergogna” della croce

Proprio per l’onore che ha acquisito, Gesù Cristo ha il diritto di stare “alla destra del trono di Dio” (Ebrei 12,2)

È Lui la sola autorità che ha il diritto di insegnare che cosa è onorevole (e che cosa è vergognoso) per chi decide di seguire Lui come duce ed esempio perfetto di fede

Secondo il duce Cristo Gesù è ONOREVOLE: • essere poveri in spirito, cioè dipendenti da Dio (non autonomi né indipendenti); • saper piangere sinceramente con chi soffre; • acquisire la mansuetudine; • essere affamati e assetati di giustizia (quella di Dio, non degli uomini); • essere puri di mente; • essere facitori di pace (la pace di Dio, non degli uomini); • farsi anche perseguitare per il regno di Dio; • quando menzogna e falsità ci toccano per aver proclamato la verità di Cristo; • agire nel segreto di Dio, non per l’occhio sociale (social network?); • prestare senza usura (contro la vergogna dell’onnipotente dio Mercato); • soffrire per amore del Padre nostro, non per farsi vedere dagli altri; • farsi tesori di opere buone in Dio; • servire Dio (non il dio Denaro)

Bisogna tornare a Gesù per ritrovare il senso dell’onore (e della vergogna) in Dio

Vedi allegato

Torna alle riflessioni