Riflessioni

La coppia più bella

“La coppia più bella del mondo” Hanno cambiato il Vangelo? Dio disse ad Abramo: “Lascia il tuo paese e il tuo parentado e la casa di tuo padre, e vai nel paese che io ti mostrerò (

) e in te saranno benedette tutte le famiglie della terra” (Genesi 12)

Inizia così la rivelazione di Dio ad Abramo

Rivelazione che determina (1) un abbandono di paese, parenti, tradizioni religiose e (2) un viaggio verso un luogo ignoto ad Abramo

La sua sola forza è la fede e la benedizione divina per lui, per la sua famiglia e, tramite lui, per tutte le famiglie della terra

Ecco la maestosa benedizione che si realizzerà nella salvezza portata dal più nobile dei discendenti di Abramo, cioè Gesù

L’Iddio della rivelazione vede Abramo, ma con lui vede pure “tutte le famiglie della terra”, unica benedizione davvero ecumenica

Eppure oggi è difficile cantare con Celentano le belle parole della canzone: “Siamo la coppia più bella del mondo / e ci dispiace per gli altri / che sono tristi / che sono tristi / perché non sanno più cos’è l’amore / il vero amore / che è benedetto dal cielo…” Agli occhi di chi dovremmo essere la coppia più bella del mondo? agli occhi del mondo? Per il mondo una coppia è bella quando è giovane e ricca

Ma allora come mai l’Evangelo afferma che bellezza e gioventù sono cose transitorie e che l’amore del denaro è radice di ogni male? L’Evangelo dice: “Ognuno ami la propria moglie come ama se stesso, e la donna sia rispettosa verso il marito” (Efesini 5)

DIO TI INTERROGA: Come tratti tua moglie? La ami davvero? E tu, sei una buona moglie? come tratti tuo marito, come lo consideri? Che tipo di famiglia costituite? Qual è il posto che la fede (basata non su parole di uomini ma sul Vangelo) occupa in casa vostra? Che cosa è “matrimonio”? Una bella cerimonia, un bell’abito da nozze, un ricco banchetto? Che cosa significa la parola dell’Evangelo che dice: “Sia il matrimonio tenuto in onore da tutti” (Ebrei 13)? In che senso e in che modo si onora il patto fra uomo e donna? Che cosa è accaduto alla società quando ha deciso di passare dalla “fuitina” ai due che decidono di “accompagnarsi”? LA GERARCHIA CATTOLICA OGGI HA CAMBIATO IL VANGELO? Un giovane si può fidanzare con una donna sposata e prendere la Cena del Signore (eucaristia)? Una donna risposata si può accompagnare con un uomo sposato? I tempi sono cambiati? Ma il Vangelo di Cristo può cambiare? Perché l’accompagnamento porta alla divisione e a nuove “compagnie”? È possibile che una società “usa e getta” si comporti con questo stesso criterio anche nei rapporti interpersonali, e quindi anche nel sentimento e nella relazione uomo / donna? Una donna che spera in Dio? Quanta stoltezza c’è nella ricerca sempre più ossessiva della bellezza estetica da parte di chi può permetterselo! Ricerca che mostra limiti e disturbi gravi della personalità: “Una donna bella ma senza giudizio, è un anello d’oro nel grifo di un porco” (Proverbi 11)

La frase è uno schiaffo morale a fitness, labbra e seni al silicone, taglio di capelli spregiudicato, spese eccessive per il corpo, ma soprattutto alla mancanza di discernimento di chi si affida all’apparenza

Ma essere donna assennata è ancora un valore? MALDICENZA - Oggi si gioca a far le belle anche a -nt’anni, quando le donne dovrebbero evitare la maldicenza e essere maestre nel bene, come dice l’antico attualissimo Evangelo

È scritto che “la parola è Dio”

Se così è, va usata per dire bene, non per dire male del proprio uomo o del prossimo

In ogni gruppo, anche nella famiglia, se l’ambiente è intaccato dal fuoco della maldicenza, le citazioni del Vangelo non servono più, neppure se le facesse Gesù stesso

La donna buona getta via ogni maldicenza, per divenire invece maestra di ciò che è buono

Una maldicente ha spesso vicino uno come lei, uno stolto che sparlando rovina la reputazione degli altri

Ma dire e fare il bene, e condursi secondo bontà sono ancora valori per le donne cristiane? E poi, che cosa è la bontà? Chi è “buono”? SAGGEZZA - Il tocco della saviezza femminile (ma anche maschile) ha una caratteristica peculiare: contribuisce a edificare, mai a distruggere

Una famiglia o una comunità vive e progredisce nella pace

Ma ecco che un elemento esterno interviene a turbare e sfasciare i rapporti

Questo non è frutto di saggezza ma di follia

La sapienza femminile (ma anche maschile) collabora col Bene = Dio alla costruzione morale e spirituale della famiglia, all’armonia comunitaria

La “utilità comune” è il criterio buono che informa la sua azione

Questa sapienza “utile”, proficua, buona, positiva per tutti i componenti la famiglia e per il prossimo la si riconosce dai frutti

La stoltezza invece è distruttiva

Anche lei si fa riconoscere dai suoi frutti, purtroppo

IGNORANZA - La stoltezza è ignorante

Infatti non sa “nulla nulla nulla” (Proverbi 9)

Un significativo triplice “nulla”, zero spaccato in sapienza e dieci e lode in ignoranza, come quella di chi predica in TV ma non distingue un nome da un aggettivo

La conoscenza vera si ottiene per esperienza, per cui “non sapere nulla” equivale a non fare nulla di buono

La saggezza vera deriva dalla meditazione sul Consiglio di Dio e dal pregare con fiducia

Sì una donna (un uomo) può tornare a sperare in Dio, ma solo se si fa umile per ubbidire al Signore

Vedi allegato

Torna alle riflessioni