Riflessioni

AMORE E SCANDALI

Amore (e scandali) Amore secondo Dio “Quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente! La ragione per cui il mondo non ci conosce è perché non ha conosciuto lui

Carissimi, noi fin d'ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato

Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è

Chiunque ha questa speranza in lui, purifica se stesso, come egli è puro

Chiunque commette il peccato, commette anche violazione della legge, perché il peccato è violazione della legge

Voi sapete che egli è apparso per togliere i peccati e che in lui non v'è peccato

Chiunque rimane in lui non pecca; chiunque pecca non lo ha visto né l'ha conosciuto

Figlioli, nessuno v'inganni

Chi pratica la giustizia è giusto come egli è giusto

Chi commette il peccato viene dal diavolo, perché il diavolo è peccatore fin dal principio

Ora il Figlio di Dio è apparso per distruggere le opere del diavolo

Chiunque è nato da Dio non commette peccato, perché un germe divino dimora in lui, e non può peccare perché è nato da Dio

Da questo si distinguono i figli di Dio dai figli del diavolo: chi non pratica la giustizia non è da Dio, né lo è chi non ama il suo fratello

Poiché questo è il messaggio che avete udito fin da principio: che ci amiamo gli uni gli altri

Non come Caino, che era dal maligno e uccise il suo fratello

E per quale motivo lo uccise? Perché le opere sue erano malvage, mentre quelle di suo fratello erano giuste

Non vi meravigliate, fratelli, se il mondo vi odia

Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla vita, perché amiamo i fratelli

Chi non ama rimane nella morte

Chiunque odia il proprio fratello è omicida, e voi sapete che nessun omicida possiede in se stesso la vita eterna

Da questo abbiamo conosciuto l'amore: Egli ha dato la sua vita per noi; quindi anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli

Ma se uno ha ricchezze di questo mondo e vedendo il suo fratello in necessità gli chiude il proprio cuore, come dimora in lui l’amore di Dio? Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma coi fatti e nella verità” (1 Lettera di Giovanni 3,11 ss

)

Figli di Dio non si nasce

Gli scandali sessuali sono segno che la società “cristiana” oggi non è molto diversa da quella pagana di secoli fa

Si confonde amore con sesso

Sesso di tutti i generi

L’amore di Dio invece è DIVERSO primo perché è “grande” e secondo perché è “dono”

Dio dona senza approfittarsi

Beato chi comprende e accoglie questo amore che cambia la nostra personalità, come è indicato dal nome nuovo di “figli” e “figlie” di Dio

Ovviamente sconosciuti e disprezzati in una società che si nutre di scandali

Ma Dio conosce i Suoi figli

Figli di Dio non si nasce, ma si diventa con la nascita nuova d’acqua e di Spirito, di fede e di ravvedimento

Questi figli un giorno vedranno Dio come è

Se tu non credi in Dio, hai un estremo bisogno di imparare come si fa a credere e confidare in Lui

I Suoi figli e figlie cercano di vivere una vita “pura”: purezza di pensieri, parole, azioni

La vita quotidiana della figlia o del figlio di Dio è imperniata sull’amore che Dio stesso ha loro donato in Cristo

Di qui la domanda critica: chi è dunque figlio/figlia di Dio? Risposta: chi ama i fratelli, chi agisce per il loro bene, chi non si approfitta mai del fratello o della sorella

Molti separano l’amore verso Dio (che non si può vedere) dall’amore verso il fratello

Ma l’Evangelo è logico e dice: come fai ad amare Dio che non vedi, se non ami il fratello/sorella che vedi? L’Evangelo è logico e dice: l’amore dev’essere mutuo, scambievole, oppure non è amore

Dipende da opere, comportamenti, azioni

Anche Caino diceva di essere fratello di Abele

e quanti Caino ci sono in giro oggi! Chi imita l’amore di Dio è passato da morte a vita

Chi non esperimenta mai questo amore è morto

Proprio morto

Anche se cammina

Per il Vangelo i morti NON stanno al cimitero, ma sono quelli senza amore di Dio dentro

Ecco qui il problema dell’amore come dono e dell’odio come sfruttamento

Odiare è come uccidere

Ci sono tanti modi di uccidere: disinteresse, superficialità, approfittarsi

Ecco perché chi odia non ha vita divina in sé ma è morto già adesso che sembra vivo

Sembra vivo, ma è morto

Cristo insegna che l’amore è dare

Chi ama dona la vita per i fratelli/sorelle

Cioè dare attenzione pratica ai loro bisogni concreti

Altrimenti si è solo chiacchieroni

L’invito è: convertirsi, cambiare modo di pensare e agire oggi

Non domani, oggi

Vedi allegato

Torna alle riflessioni