Riflessioni

Quando la finzione dice la verità

Quando la finzione dice la verità Emerge nitidamente la citazione di un criterio cardine su cui si regge tutta la storia e la rivelazione della Sacra Scrittura

Lo si potrebbe definire “il criterio del perché”

Eduardo De Filippo (1900-1984) insegnava che per dire la verità il teatro deve essere finzione

La recente riproposizione televisiva della serie “Il Maresciallo Rocca” gode del favore del pubblico e suscita qualche riflessione

Se ne propone qualcuna tratta da questo scambio di battute: Delinquente: È stato sempre molto facile

M

Rocca: Che cosa? Delinquente: Fregarti

perché sei una brava persona

Questo scambio di tre sole battute è tratto dal tragico momento finale della fiction televisiva “Il maresciallo Rocca e l’amico d’infanzia” (11/02/2018), che vede uno straordinario Giancarlo Giannini nel ruolo del delinquente e un grande Gigi Proietti nel ruolo del maresciallo dei Carabinieri

L’inglese “fiction” vuol dire “finzione”, s’intende finzione scenica, teatrale, filmica

Eppure talvolta la finzione è capace di dire grandi verità, come appunto insegnava Eduardo

Le tre battute citate sopra costituiscono uno scambio breve ma molto intenso, che precede il suicidio improvviso del delinquente, il quale dichiara a Rocca il motivo per cui gli è sempre stato così facile “fregarlo”: perché Rocca è una brava persona

Lo scambio di battute, con la rivelazione finale del “perché”, è suggestivo

Emerge qui la nitida citazione di un criterio cardine su cui si regge tutta la storia e la rivelazione della Sacra Scrittura

Lo si potrebbe definire “il criterio del perché”

Se ne offre qui qualche esempio

Aaronne e Miriam, fratello e sorella di Mosè, erano invidiosi del loro congiunto e fu facile per loro sparlare alle spalle di Mosè, perché questi era una brava persona

Per la vogliosa moglie di Potifar, che voleva accompagnarsi col giovane Giuseppe, tradendo così suo marito, fu facile mandare in galera Giuseppe, perché questi era un bravo ragazzo

Naboth era una brava persona, perciò di lui si approfittarono facilmente il sanguinario re Achab e la perfida regina Jezabel, che gli portarono via la vigna e la vita

Per Erode Antipa, adultero conclamato, che si era preso Erodiade, moglie del fratello, fu facile imprigionare e ammazzare Giovanni il Battista, perché questi era una brava persona

Per il Sinedrio ipocrita e complottista fu facile aver ragione di Gesù, perché questi era una persona seria

Gli esempi potrebbero moltiplicarsi

Il libro dei Salmi è acutissimo su questo stesso criterio e spesso il salmista domanda al Signore: “Perché al mascalzone sembra andare sempre tutto bene, mentre la brava persona soffre per le sue mascalzonate?” Un filo rosso attraversa tutta la Sacra Scrittura quasi a connettere fra loro tutti i mascalzoni, i “fregaroli”, coloro che “fregano” gli altri

È sempre molto facile “fregare” le brave persone, proprio perché sono tali

Il criterio è probabilistico: la storia, sia quella con la “S” maiuscola sia quella quotidiana, è fatta di “fregaroli” e di “fregati”, ma nel 99,99% dei casi i “fregati” sono brave persone

Da tutto ciò si può trarre qualche lezione

1

Essere brave persone può costituire spesso una gran “fregatura”, perché la coerenza con le proprie scelte buone può costare grandi “fregature”

2

La Sacra Scrittura insegna un evidente criterio pratico basilare per distinguere con semplicità, ma non con semplicioneria, persone e situazioni, cioè “fregaroli” e “fregati”

3

Tale criterio, pur di capitale importanza, è ignorato dagli ipocriti, dagli illusi, dai superficiali, dai banali, da quanti sono privi di discernimento, da quelli cioè che non sanno, o non vogliono, distinguere i “fregati” dai “fregaroli”

4

Il discepolo di Mosè, di Giuseppe, di Naboth, di Giovanni e di Gesù si schiera sempre dalla parte dei “fregati” e mai coi “fregaroli” – nelle Beatitudini Gesù insegna anche questo

5

Il delinquente, operatore di male, si suicida ma non si ravvede

C’è chi si suicida gettandosi dal balcone (come nella fiction) e c’è chi si suicida non pentendosi, ma godendo del plauso di chi ha rinunciato all’uso del discernimento

Il dèmone del delinquente “trema, ma non si pente”, come dice la Scrittura

La Scrittura insegna però che il destino dei “fregaroli” è segnato e che i “fregati” di oggi sono i vincitori finali

Canta infatti il salmista: “Molte volte m’hanno oppresso dalla mia giovinezza; eppure non hanno potuto vincermi

il Signore è giusto; egli ha tagliato le funi dell’empio” (Sl 129,1 ss

)

Gesù fa coraggio: “Beati voi, quando vi oltraggeranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia

Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande nei cieli” (Mt 5,1 ss

)

© Riproduzione riservata Roberto Tondelli – 02 2018

Vedi allegato

Torna alle riflessioni