Riflessioni

LA PAROLA ANTICA/ RIFLESSIONI 09 2018

La Parola Antica (e le parole moderne) La sola Parola che offre Vita Johan Cruger, poeta e compositore tedesco del XVII secolo scrisse e musicò il poema breve “La Parola antica” che esalta la bellezza e la sapienza della Parola di Dio presentata nella Sacra Scrittura

Leggendola e meditandola, ciascuno può imparare alcune cose

(1) La Scrittura presenta la Parola di Dio che MAI TACERÀ, nonostante vergogne, SCANDALI e incoerenze degli uomini

(2) Essa è l’unica verace PAROLA AMICA che annuncia il perdono in Cristo

(3) Tale Parola vuole donare a tutti una FEDE FIDUCIOSA salda e lieta, nonostante le falsità che ogni giorno si ascoltano

(4) È la sola Parola che annuncia Speranza Certa con questo messaggio: “CRISTO REGNA” nonostante le miserie umane

(5) Questa Parola antica e nobile porge il dono che rinvigorisce il peccatore abbattuto dal male; per questo occorre imparare a PENSARE secondo Cristo

(6) Lui è il solo “Signore possente”; la sua potenza non passerà; tutte le altre potenze storiche sono cadute e cadranno

Ma Cristo domina

(7) Proprio per questa realtà magnifica occorre FONDARE tutta la propria vita “sul Vangelo” mediante il dono meraviglioso della salvezza

Si intende che si fonda sul Vangelo non solo la vita presente, ma anche quella FUTURA

Dal Nonsenso al Significato Parole vuote sono quelle intrise di pregiudizio e mancanza di conoscenza

Per esempio: “GEOVA” è solo un termine di origine medievale; “EUCARISTIA” non vuol dire un qualche genere di miracolo, ma semplicemente “ringraziamento”; “CONFESSIONE” non è il riconoscimento davanti a un uomo degli errori fatti, ma semmai la richiesta di perdono elevata a Dio mediante Cristo, unico mediatore

Poi ci sono le parole della MAL/DICENZA, parole mortali come pugnali

“La lingua è un fuoco, un mondo di iniquità, che contamina tutto il corpo e infiamma la ruota della vita quando è accesa da malvagità, è un male indomabile” (così scrive Giacomo)

Il maldicente vende la reputazione degli altri senza averla pagata un centesimo

PEGGIORI di lui/lei sono solo i suoi clienti, che danno credito a ciò che il maldicente dice nel fuoco della sua cattiveria

È possibile che dalla stessa bocca esca preghiera a Dio e maledizione al prossimo? Non è possibile

Il maldicente è SENZA DIO, perché dice/male e quindi non crede che la parola sia Dio

Invece, la buona fonte delle parole dev’essere “la sapienza che viene da Dio, che è pura e piena di frutti buoni”

Tale è la genuina Parola Antica dell’Evangelo di Cristo

Passeranno cielo e terra, ma questa Parola vincerà

Ha già vinto

Vedi allegato

Torna alle riflessioni