Riflessioni

PAROLA ANTICA

“La Parola Antica” (e altre parole) La buona fonte delle parole deve essere la sapienza, che è pura e piena di frutti buoni Johan Cruger (1598-1662, foto p

1), poeta e compositore tedesco, scrisse e musicò il poema breve dal titolo “La Parola antica”, nel quale esalta la bellezza e la sapienza della Parola di Dio presentata nella Sacra Scrittura

Per secoli, purtroppo, la lettura della Sacra Scrittura venne proibita, forse nel timore che il popolo, rendendosi conto della differenza notevole esistente tra talune pratiche (e idee) religiose e l’insegnamento semplice e pulito di Cristo, potesse emanciparsi da una mediazione religiosa (ecclesiastica) estranea alla Scrittura

Nei primi secoli del cristianesimo, i sermoni di Aurelio Agostino e di Giovanni Crisostomo (v

ricostruzione fotografica p

2) erano diretti a folle di credenti in Cristo che leggevano spesso la Scrittura

Persone semplici, come fabbri e carpentieri, avevano in casa la Scrittura e la consideravano tanto preziosa quanto gli strumenti del loro lavoro artigianale, dai quali mai si sarebbero separati, così come non si sarebbero separati dalle Scritture; le quali erano per loro come il “pascolo ubertoso” per le pecorelle (Agostino)

Le leggevano, le meditavano e si lasciavano consigliare dalla Scrittura ispirata, in cui Dio parlava loro mediante l’esempio e le parole di Cristo, degli apostoli e dei primi discepoli e discepole

Nelle Scritture essi ritrovavano quei princìpi e quei criteri di vita in Cristo dai quali farsi guidare

Seguirono secoli bui, durante i quali prevalse un atteggiamento quasi di timore o paura che la gente potesse esaminare le Scritture

Si preferì – o forse convenne? – tenere i popoli nella ignoranza della Parola di Cristo

Francesco da Assisi fu un lettore attento delle Scritture, di cui riscoprì il valore, e ciò prima della Riforma protestante, anche se, probabilmente per ragioni storiche contingenti, chiese il riconoscimento della propria Regola a papa Innocenzo III, che bontà sua lo concesse

Prima di Francesco, Pietro Valdo e altri in Europa avevano seguìto un percorso di ritorno alla semplicità della Scrittura

Più tardi, sull’onda della Riforma luterana, i fratelli Juan e Andrés de Valdés, perseguitati in Spagna dall’Inquisizione, potevano riunirsi a Napoli in circoli biblici che studiavano le Sacre Scritture

Per tornare al nostro Johan Cruger, nel suo poema “La Parola Antica” egli magnifica le Scritture

Leggendo e meditando sulla sua composizione (troppo lunga per venire qui citata), ciascuno può imparare ottime cose

(1) La Scrittura presenta la Parola di Dio che MAI TACERÀ, nonostante scandali e incoerenze degli uomini

Dice Gesù: “Guai a colui per il quale avvengono gli scandali! Chi avrà scandalizzato uno di questi piccoli che credono in me, meglio sarebbe per lui che gli fosse appesa al collo una macina da mulino e fosse sommerso nel fondo del mare!” (2) Nella Sacra Scrittura si ascolta l’unica verace PAROLA AMICA che annuncia il perdono in Cristo

(3) Tale Parola vuole donare a tutti una FEDE FIDUCIOSA salda e lieta, nonostante le falsità che ogni giorno si ascoltano, purtroppo anche in ambito religioso

(4) È la sola Parola che annuncia Speranza Certa con questo messaggio: “CRISTO REGNA”, nonostante le miserie umane

(5) Questa Parola antica e nobile porge il dono che rinvigorisce il peccatore abbattuto dal male; per questo occorre imparare a PENSARE secondo Cristo (metánoia)

Il che si impara dalle Scritture ispirate dal suo Spirito

(6) Lui è il solo “Signore possente”; la sua potenza non passerà; tutte le altre potenze storiche sono cadute e quelle presenti e future cadranno

Ma Cristo domina

(7) Proprio per questa realtà magnifica occorre FONDARE tutta la propria vita “sul Vangelo” ricevendo con gratitudine il dono meraviglioso della salvezza

Si intende che si fonda sul Vangelo non solo la vita presente, ma anche quella FUTURA

Questa Parola è infatti la sola che sia in grado di OFFRIRE VITA a ciascuna persona schiava dei propri peccati

Per la sua intelligenza e sapienza, la Parola di Cristo consente di passare dal nonsenso al significato

Ci sono parole intrise di mancanza di conoscenza

Per esempio: “GEOVA” è solo un termine di origine medievale; “EUCARISTIA” non indica un miracolo, ma significa “ringraziamento” di un cuore buono; “CONFESSIONE” non è riconoscere davanti a un uomo gli errori fatti, ma la richiesta di perdono elevata a Dio mediante Cristo, unico mediatore

Poi ci sono le parole della MAL/DICENZA, mortali come pugnali

“La lingua è un fuoco, un mondo di iniquità, che contamina tutto il corpo e infiamma la ruota della vita quando è accesa da malvagità, è un male indomabile” (così scrive Giacomo)

Il maldicente vende la reputazione degli altri senza che gli sia costata neppure un centesimo

PEGGIORI di lui (o di lei) sono solo i suoi clienti, coloro cioè che danno credito a ciò che il maldicente dice nel fuoco della sua cattiveria

Si chiede Giacomo: È mai possibile che dalla stessa bocca esca preghiera a Dio e maledizione al prossimo? No, non è possibile (ma accade!)

Il maldicente è dunque un SENZA DIO, perché dice/male e quindi non crede che la parola sia Dio

Invece, la buona fonte delle parole deve essere “la sapienza che viene da Dio, che è pura e piena di frutti buoni”

Tale è la genuina Parola Antica dell’Evangelo di Cristo

Passeranno cielo e terra, ma questa Parola vincerà

Ha già vinto, perché Cristo è risorto e regna presso il Padre

© Riproduzione riservata Roberto Tondelli – 09/2018

Vedi allegato

Torna alle riflessioni