Riflessioni

PONTE E FIDUCIA

Il ponte e la fiducia Talvolta occorre una tragedia per tornare a utilizzare il verbo “fidarsi” e per tornare a nutrire “fiducia” Come tutte le grandi tragedie, anche quella del crollo del ponte Morandi, a Genova, può generare sentimenti di abbattimento e sfiducia o, all’opposto, moti interiori di edificazione e fiducia

Per pochissimo, per un banale ritardo di qualche minuto, Monica Lanfranco non è stata coinvolta nel crollo del ponte

Citando una sua conoscente scrive così: “Un ponte unisce due estremi, cuce due lembi, perciò un ponte che crolla è uno strappo in un tessuto che siamo abituati a vedere tutto intero

Lo squarcio si apre sull’abisso: il crollo fa precipitare per metri, il vuoto risucchia, nessuno torna indietro da questo volo

Cadere nel precipizio è una paura atavica, ce l’abbiamo tutti

Un ponte è sempre frutto del sogno visionario di qualcuno

Qualcuno che ha sfidato le leggi della fisica e che ha deciso di superare un limite costruendo qualcosa di unico

Quando il progetto fallisce, nasce il sentimento della disfatta, la sensazione di non aver saputo fare, la paura di dover tornare indietro al tempo in cui nessuno creava ponti e tutti restavano fermi lì dove li piazzava la loro sorte

Attraversare un ponte significa fidarsi di chi l’ha costruito e del soggetto pubblico che se ne occupa

Fiducia” (Il fatto quotidiano, 16

08

2018)

È difficile non concordare con questa analisi sensibile, lucida

Come è difficile non considerare che, talvolta, occorre una grande tragedia per tornare a utilizzare il verbo “fidarsi” e, quindi, per tornare a nutrire “fiducia”

Fiducia, nonostante tutto, anche dinanzi all’abisso, dinanzi al volo dal quale nessuno torna indietro

Costruiamo un ponte, qui e ora, un ponte che colleghi la tragedia di Genova, che tutti ci accomuna, alla condizione esistenziale umana

Ciascuno di noi può utilizzare il ponte che unisce due estremi, che cuce due lembi, che aiuta a superare in sicurezza l’abisso che oggi ci separa da un al di là dove riposano i nostri morti e anche quei 38 morti a Genova (ma molti altri sono dispersi)

Un ponte è sempre frutto del sogno visionario di qualcuno che ha sfidato le leggi della fisica e ha deciso di superare un limite costruendo qualcosa di unico

Le leggi della fisica dicono che dall’abisso non si torna

Ma il sogno visionario di qualcuno è diventato realtà quando è stato superato il limite umano della morte

QUALCUNO È TORNATO dall’abisso, e POICHÉ È TORNATO ha potuto costruire un ponte sicuro proprio sull’abisso

Costruzione impossibile all’uomo

Ma ciò che è impossibile agli uomini è possibile a Dio

E Dio ha realizzato L’IMPOSSIBILE mediante Gesù Cristo, il quale è stato dichiarato mediatore, cioè “ponte” fra Dio e gli uomini proprio tramite la sua risurrezione

Proprio questo è il momento di dire, affermare e testimoniare che esiste uno e un solo ponte fra noi uomini e Dio, e questo “ponte sicuro” è la persona unica e insostituibile di Cristo

Qui sta la fiducia nella risurrezione di Cristo: ma chi ci crede più che lui sia risorto VERAMENTE? Tutti si affidano ad altri “ponti”, ad altri mediatori, più facili da usare e da controllare, e anche meno esigenti

Se, invece, Cristo Gesù è davvero risorto, allora ciò comporta la totale sfiducia – per incompetenza incapacità inadempienza – verso tutti gli altri “ponti”, tutte le altre mediazioni, le quali crollano miseramente al confronto con la POTENZA E LA REALTÀ della risurrezione di Cristo

È Lui infatti il solo “ponte” vivente

Lui l’unico “ponte” affidabile

Perché mai? Perché è lui solo che l’Evangelo chiama “PRIMIZIA di quelli che dormono” (1 Corinzi, 15)

Tutti, nessuno escluso, “dormono”

I morti “dormono”

Il solo vivente, il quale dominando le leggi della fisica ha sconfitto la morte, ha abbandonato la prigione del soggiorno dei morti, l’unico vivente è Cristo

È il solo che può davvero suscitare nella persona umana la “fiducia” in quel Dio che ha costruito un tale “ponte”, cioè la realtà di una tale mediazione unica proprio perché è attuata in Cristo Gesù risorto

L’Architetto dell’universo ha costruito questo “ponte”

Egli stesso lo rende fruibile a tutti

Egli stesso ne cura la manutenzione

Perciò il “ponte” è pienamente affidabile

Il resto non è che rovine, spesso attraenti, talvolta sofisticate, talvolta santificate, ma pur sempre rovine, macerie; morte e vuoto dell’abisso

La parola e il silenzio di Cristo Gesù meritano pertanto attenzione, cura, fiducia e ubbidienza

Tale parola e tale silenzio li si ascolta nell’Evangelo

Sta qui “il suono di voce sottile” che, udito da Elia, incoraggia e dà fiducia anche dinanzi alla tragedia

© Riproduzione riservata Roberto Tondelli – 09 2018

Vedi allegato

Torna alle riflessioni