Riflessioni

Sull'uomo

L'uomo, monotono universo, / Crede allargarsi i beni / E dalle sue mani febbrili / Non escono senza fine che limiti

Attaccato sul vuoto / Al suo filo di ragno, / Non teme e non seduce / Se non il proprio grido

Ripara il logorio alzando tombe, / E per pensarti, Eterno, / Non ha che le bestemmie

Torna alle riflessioni