Riflessioni

"Pietà" come misericordia

"Pietà" come misericordia Lettura: Giona 3,10-11 Un libro - per noi una lezione sul comportamento di Dio e, forse, anche dell'uomo - che si chiude con una domanda

Un paragone pianta / essere umano, ricine / uomo

Questa pianta a foglia molto larga che cresce senza fatica e in breve tempo posta a confronto e in contrasto con l'essere umano: il quale, invece, cresce a fatica, si sviluppa nel tempo, matura con gradualità

e, pur non sapendolo né ammettendolo - neppure a se stesso - ha un bisogno disperato di Dio

È un bel testo della Bibbia ebraica che pone in evidenza l'importanza dell'uomo, anzi dell'uomo incapace di "distinguere la sua destra dalla sua sinistra", l'essere umano debole, bisognoso d'aiuto, peccatore: Gesù farà altrettanto, stabilendo l'importanza spirituale morale dell'essere umano, pur peccatore, agli occhi di Dio

Il testo sottolinea la pietà come misericordia

Dio ha misericordia e decide di risparmiare Ninive: contraddicendo in tal modo la parola predicata da Giona, per ordine di Dio

E Giona il predicatore s'adira: che sia proprio lui il modello di predicatore tronfio e troppo pieno di sé per ammettere che Dio possa anche

cambiare idea? Giona conosce bene la Bibbia: lui "sa" come si comportò Dio all'epoca di Noè e "conosce" ciò che fece a Sodoma, per cui deduce necessariamente di "sapere e conoscere" che cosa Dio farà a Ninive

Invece

Che cos'è misericordia? 1

Lc 1,78-79 misericordia: non semplicemente la virtù del buono, ma "lo spaccarsi delle viscere di Dio" (M

Cacciari); il dolore immenso di Dio per chi giace nelle tenebre (non distingue destra e sinistra) nel desiderio di portarlo verso la via della pace e di donargli l'Aurora

2

Questo spaccarsi delle viscere (es

: parto nella donna) nel dolore si realizza in Gesù

Egli può trasformare la mente umile e ricettiva dalla condizione descritta in Tito 3,3 a quella delineata in Tito 3,5b: questo mutamento di mente, pensiero, mentalità è lo sforzo dell'uomo (il ninivita!) di rendersi conto, se possibile, di che cosa sia e in che cosa consista mai questo "spaccarsi delle viscere di Dio" nel dolore, per amore

3

C'è tutto un ragionare della Scrittura che cerca di spiegare questa misericordia = spaccamento delle viscere di Dio

Si osservi che la misericordia è estesa a tutti: Rm 11,31-32

Pertanto oggi: Ninive è un simbolo del mondo, dell'intera umanità

Sta qui la insondabilità della sapienza misericordiosa di Dio

4

Ma intera umanità significa ogni singolo individuo: pregi e difetti, dolori e gioie, esistenza intera: da rinnovare

Per cui il fatto di Saulo Paolo diventa modello per tutti: 1 Tm 1,13s

5

Intera umanità indica pure l'insieme dei peccatori: chi non sa distinguere la sua destra dalla sua sinistra è davvero nelle tenebre e ignora le cose più elementari della vita spirituale

Forse si ha qui una descrizione grafica della condizione umana attuale (= in ogni generazione)? Si rifletta sull'accorato appello di Gesù in Mt 9,11-13 // Os

6,6

6

L'individuo è chiamato a ubbidire ai criteri di Dio, ma esercitando misericordia: Mt 23,23

Il comandamento privo di misericordia è un assurdo

La misericordia guida, indirizza, conduce all'ubbidienza, al comandamento santo

7

La persona è chiamata ad esercitare la misericordia, imitando Dio: Lc 6,36

Spaccare le proprie viscere a favore degli altri, dei niniviti come noi

8

L'individuo debole, incapace, ha bisogno d'aiuto, di misericordia continua al momento più necessario: Eb 4,14-16

Il sacerdote di cui si parla qui ha sperimentato lo spaccamento delle viscere, e è davvero in grado di soccorrere al momento opportuno

9

Chi, dinanzi allo spaccamento delle viscere di misericordia di Dio, non s'arresta a riflettere e non medita seriamente di cambiare vita? Eb 10,28-29: si valuti qui la serietà di questa "misericordia" espressa nel "sangue del patto"

Chi può dire a Dio: non ho bisogno della tua misericordia? La domanda in Giona 3,11 rimane in tutta la sua forza (talvolta le domande sono più importanti delle risposte)

Comunità di Pomezia - 6 maggio, 2007

Torna alle riflessioni