Riflessioni

Riflessioni / gennaio 2009 / Due libri. Due destini

DUE LIBRI

DUE DESTNI

Il libro della vita “Il mondo è un luogo piuttosto violento”

Così ha detto Harold Pinter (vedi foto giovanile), nobel per la letteratura nel 2005 morto giorni fa

Questo scrittore inglese ha rappresentato il disagio del mondo moderno, l’illogicità che si insinua nelle conversazioni più normali, la desolazione dell’uomo che vive una vita senza certezze, in cui tutti e ciascuno sono isolati gli uni dagli altri in un mondo dominato da meccanismi di autoconservazione e quindi di aggressione verso gli altri

Ognuno sta come chiuso in una stanza dove ha creato i suoi precari equilibri, finché non interviene una svolta, un elemento esterno che ci coglie in una condizione estrema, che mette in discussione il senso di un’intera esistenza e distrugge gli equilibri

La cifra della persona umana è la sconfitta

Ecco l’amara lezione impartita ogni giorno agli uomini dalla vita

Ci sono almeno due modi per imparare come e perché si sta al mondo

Si può imparare dalla vita e si può imparare dalla Bibbia

Il libro della vita è parola di uomo

La Bibbia è Parola di Dio

Claudio Villa volle che sulla sua lapide tombale ci fosse scritto “vita sei bella, morte fai schifo”

È vero, la vita è bella

quando è bella, cioè quando si è in salute, si ha un lavoro decoroso, una bella famiglia, amici cordiali

Però può presentarsi la malattia o la disgrazia o la disoccupazione; possono esserci dissapori che sfociano in vere e proprie liti

Come si dice, “parenti serpenti”, “fratelli coltelli”

Un figlio nel quale riponevamo il nostro amore ci delude, prende una strada sbagliata, si allontana da noi

Una donna che era la forza della famiglia s’ammala e muore

E allora la vita diventa uno schifo

Dalle sofferenze della vita s’impara una pazienza disperata

Ma s’impara anche l’insensatezza di questa vita: c’è chi perde il lavoro e chi s’ingozza di guadagni; una persona di valore perde un braccio e l’imbecille esce indenne da un incidente pauroso; un governo decide di portare la guerra in un’altra nazione dove regnava una pace relativa e la vita di interi popoli non è più neppure passabile; un barbone vive dormendo su una panchina e qualche balordo gli dà fuoco; una donna in bicicletta viene scippata, cade e muore; una bambina è strappata all’affetto dei genitori da leucemia fulminante

Un personaggio del romanzo Tempi difficili (Charles Dickens, 1854), pensa di poter spiegare i casi della vita solo con i fatti (“facts, facts, facts!”), senza alcuna considerazione per i sentimenti

Capirà poi di avere torto

Nella seconda metà dell’800, in piena rivoluzione industriale, ci si era già accorti che i fatti  della vita non spiegano il disagio interiore della persona e il senso d’incertezza che domina questo mondo desolato

È la lezione terribile della vita

Il libro della Bibbia  La Bibbia si presenta all’uomo come Parola di Dio

Senza la Bibbia sapremmo ben poco di Dio e non sapremmo nulla di Gesù

Gesù ci mostra il Padre, anzi personifica l’Amore di Dio e ci avvicina in modo unico a Dio-Amore

Nessuno può sostituirsi a Gesù che ci regala l’Amore di Dio

Nessuno come Gesù riesce a parlare al cuore della persona umana guarendone le ferite interiori

Egli mostra la sua forza con segni eccezionali che ne dimostrano la potenza divina: guarisce il servo di un ufficiale romano, risuscita il figlio morto di una vedova, perdona la peccatrice che gli bacia e ribacia i piedi, guarisce indemoniati e epilettici, attribuisce grande valore ai piccoli intesi sia come bambini che come persone dal cuore umile, insegna a pregare, esorta ogni persona a seguire Lui e soltanto Lui mediante la fede ubbidiente alla Sua Parola

Quanto sarebbe più vivibile e meno desolante questa vita, se i cristani-atei di oggi si facessero consigliare e guidare da Gesù che parla a tutti nel Nuovo Testamento! Egli parla continuamente di Dio, del Padre: se voi che siete malvagi sapete dare buoni doni ai vostri figli, quanto più il Padre vostro donerà cose buone a chi gliele chiede! Gesù guarisce un paralitico, ma solo per dimostrare d’esser capace di fare una cosa ancora più difficile: perdonare la persona veramente pentita

Gesù insegna che il cuore dell’uomo può non essere la dimora del vuoto, ma la dimora dell’amore di Dio

L’ignoranza e l’immaginazione della potenza della ricchezza producono vuoto e presunzione

Così si diventa palloni gonfiati

Il cuore va invece educato con la Parola di Dio, come un giardino che dia i frutti migliori del ravvedimento profondo e serio

Continuamente Gesù dice nel Vangelo la frase “non temete!”, proprio perché conosce per esperienza diretta le nostre paure e vuole renderci forti anche nelle prove più dure della vita

Gesù non ci abbandona, perché è vivo e vive per noi

È vivo perché è risorto

Se noi ci avviciniamo con fiducia a lui, egli si fa trovare, ci parla nelle pagine ispirate da Dio della Sua Parola, ascolta le nostre parole e le preghiere di chi si rivolge al Padre con semplicità di cuore

Gesù è davvero l’Unico Signore che è in grado di venirci a cercare e a ritrovare nel fosso nel quale ci siamo andati a cacciare con le nostre paure, i nostri comportamenti errati

Occorre solo da parte nostra che noi lo riceviamo come “piccoli fanciulli”, abbandonando la nostra presunzione e supponenza, cose che ci rendono “grandi” solo ai nostri occhi

Quanto vivremmo meglio se abbandonassimo il nostro cristiano ateismo pratico e tornassimo a considerare Gesù che ci parla nel Nuovo Testamento! Egli può spezzare il nostro isolamento

La vita non è più una serie di giorni uguali e inutili, ma acquista il senso di un cammino verso l’incontro più entusiasmante, quello con il nostro Padre Celeste

Perciò preoccupiamoci meno del male che possiamo ricevere, e impariamo da Gesù che né la morte né la vita, né angeli né potenze, né cose presenti né cose future potranno mai separarci dall’amore di Dio che è in Cristo Gesù Signore

La vita senza Dio è una sconfitta

I fatti visti senza fiducia e con sospetto producono paura

Solo la Parola di Dio può mutare anche il fatto più negativo in espressione di ravvedimento, d’amore gli uni per gli altri, di vittoria in Cristo

A noi la scelta del nostro destino

Torna alle riflessioni